Smart Carbon, l’idea sostenibile di Loccioni Environment

smart carbon
(di Stefano Collura, R&D Manager, Loccioni Environment)

Provate ad immaginare il mondo attuale senza le centrali elettriche a carbone, gli inceneritori, le acciaierie, le cementerie, le raffinerie di petrolio, le industrie chimiche ed in generale tutti quegli impianti che comunemente consideriamo inquinanti.

Di certo vivremmo in un mondo più pulito e più bello, ma probabilmente saremmo costretti a rinunciare a molte delle comodità alle quali siamo abituati e sulle quali si fonda l’idea che oggi abbiamo di benessere: non riusciremmo a produrre sufficiente energia elettrica per soddisfare i nostri bisogni, abiteremmo in case di legno o di pietra, ci scalderemmo con il fuoco e ci sposteremmo solo a piedi o a cavallo; non potremmo nemmeno costruirci le biciclette perché occorrerebbe fondere il metallo e sintetizzare le gomme dagli idrocarburi…


Purtroppo, occorre prendere atto che quello che noi chiamiamo progresso economico e tecnologico ha come contropartita lo sfruttamento di risorse naturali e l’inquinamento.

È chiaro dunque che sebbene ormai ci si stia muovendo nella direzione di uno sviluppo carbon neutral (e cioè che non altera il livello di emissioni inquinanti dei processi naturali), la realtà attuale è ben lontana dall’esserlo. È quindi possibile e doveroso impegnarsi a razionalizzare processi di trasformazione dell’energia ed emissioni inquinanti alla luce del concetto di sostenibilità: associata ad ogni processo industriale esiste infatti una quota di emissioni fisiologica, sensata, smart, che noi abbiamo la possibilità di ottimizzare. Ecco quindi che Loccioni Environment accanto al concetto di Carbon Neutrality affianca quello di Smart Carbon come filosofia per affrontare il presente.

Nell’epoca dei dispositivi smart, degli smartphone, delle smart house, delle smart grid, anche i complessi processi di trasformazione dell’energia (come la generazione di energia da carbone o gas, la produzione dell’acciaio, la raffinazione del petrolio, etc.) possono essere smart. Essere smart significa poter gestire gli impianti in maniera flessibile, adattando prontamente i processi ad improvvise variazioni della richiesta di produzione oppure all’insorgere di avarie eccezionali, senza però penalizzarne l’efficienza o peggiorarne il livello di emissioni e, nel lungo termine, senza aumentarne i costi operativi e di manutenzione (O&M).

I problemi ambientali sono quasi sempre conseguenza di sprechi, comportamenti negligenti e della mancanza di strumenti adatti a controllare certe grandezze all’interno di processi spesso molto complessi ed articolati. Il ruolo di Loccioni Environment è dunque quello di progettare sviluppare ed integrare sistemi per il monitoraggio e controllo dei processi e delle emissioni, concentrandosi principalmente sugli impianti industriali a maggiore impatto e che pongono sfide più grandi in termini di sostenibilità ambientale e sociale.

Grazie all’impiego delle soluzioni Loccioni Environment diventa possibile ottenere sensibili vantaggi economici grazie ad una produzione più efficiente e tradurli in vantaggi sia per l’ambiente che per la società: insomma per tutti!

L’alto obiettivo è quello di creare profitto per l’impresa, il cliente e la comunità estendendo la classica equazione misura+controllo=ottimizzazione con un passaggio in più: ottimizzazione = benessere, nel pieno  rispetto del profondo legame tra essere umano ed ecosistema.

Speak up! Let us know what you think.

Spam Protection by WP-SpamFree